Il bambino impara l'inglese divertendosi con i compagni e senza perdere mai il sorriso

Metodo

Gli anni dell’infanzia sono i più formativi nella vita scolastica di un bambino in grado durante questa età di acquisire una seconda lingua in modo facile e piacevole. A differenza degli adolescenti e degli adulti, il bambino è più ricettivo e riesce ad assimilare un numero maggiore di informazioni.

Alla Benedetto XV International School la lingua inglese viene usata quotidianamente per sostenere lo sviluppo globale del bambino nelle dimensioni affettiva, cognitiva e fisica.

Gli studiosi di psicolinguistica sostengono che il cervello di un bambino fino agli otto anni sia nella fase ottimale per l’apprendimento delle lingue straniere perché ha una visuale contemporanea di parola, immagine, mimica e gestualità.

Listening (ascolto), oral comprehension (comprensione della lingua) e speaking (parlare) sono le tre fasi cruciali dell’apprendimento, che avviene in maniera graduale. L’insegnante inizia con un vocabolario limitato e ripetitivo legato alla quotidianità, successivamente imposta un ritmo più incalzante e arricchisce il vocabolario. Senza accorgersene, il bambino acquisisce la padronanza della lingua inglese.

La scuola dell’infanzia Benedetto XV si ispira alle teorie di John Dewey, filosofo e pedagogista, che credeva in una scuola attiva e progressiva: attiva perché il bambino viene a contatto con le prime difficoltà e mette in atto le sue strategie per risolverle; progressiva perché le attività che il bambino svolge all’interno presuppongono uno sviluppo progressivo. Secondo Dewey, la scuola rappresenta un luogo di vita in cui il bambino prende coscienza della propria personalità e impara a leggere il mondo che lo circonda. E questo è uno dei concetti chiave proposti dalla Benedetto XV International School.

Un’altra figura di riferimento per la Benedetto XV è Maria Montessori, che aveva individuato nella curiosità il vero motore dell’apprendimento. Secondo l’educatrice, il compito di maestri e insegnanti è quello di aiutare il bambino a diventare consapevoli del dono che già possiede e di assisterlo nello sviluppo della propria personalità. La frase chiave che può riassumere il metodo educativo della Montessori è Aiutami a fare da solo, l’esortazione silenziosa che ogni bambino rivolge agli adulti.

Le attività didattiche, supportate da una lavagna didattica, si svolgono in un contesto giocoso e sereno fatto di canti, danza, scoperte didattiche in cui il bambino viene esposto alla lingua inglese

All’interno della struttura è presente anche un teatro di 150 metri quadri con una capienza di oltre100 posti e una palestra attrezzata di 80 metri quadri.

Contattaci

info@benedettoxvinternationalschool.com
T. +39 3711520802

 

ORARI
Lun/Ven 7:30 18:30
Sabato 9:00 13:00

Un sabato sera al mese “Serata libera ai genitori”